La nostra Società
è sede di
formazione con
Certificazione di
Qualità ISO 9001
 
 
IMPRENDITORIA FEMMINILE

 

La legge 215 del 25 febbraio 1992 prevede azioni a favore dell’imprenditoria femminile. Possono beneficiarne: - imprese individuali la cui titolare sia una donna; - società cooperative o di persone costituite almeno per il 60 % da donne; - società di capitali partecipate da donne almeno per due terzi, e i cui organi di amministrazione siano costituiti da donne almeno per due terzi; - imprese, consorzi di imprese, associazioni, enti e società di promozione imprenditoriale anche a capitale misto pubblico-privato, centri di formazione e ordini professionali che promuovono corsi di formazione imprenditoriale o servizi di consulenza e di assistenza tecnica e manageriale riservati alle donne per almeno il 70 %. Settori ammissibili: - industria - commercio - artigianato - agricoltura - turismo - servizi L’impresa che ottiene l’agevolazione, è tenuta a rispettare alcuni vincoli: - mantenere per 5 anni la compagine societaria; - non alienare i beni acquistati per almeno 5 anni dalla data di concessione delle agevolazioni; - concludere gli investimenti entro due anni dalla data di concessione delle agevolazioni. Per cosa e quanto Le iniziative agevolabili riguardano: - avvio di nuove attività - acquisizione di attività già esistenti* - realizzazione di progetti innovativi aziendali - acquisto di servizi reali** Sono ammissibili le spese per: - impianti generali - macchine e attrezzature - automezzi - brevetti - software - opere murarie - spese di progettazione e direzione dei lavori, studi di fattibilità, piani di impresa. Tutte le spese ammissibili devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda. Non sono ammissbili le spese per: - acquisto di terreni o fabbricati - locazione di immobili - spese di gestione - avviamento - beni usati ­ tranne quelli che derivano dall’acquisizione di attività già esistenti ­ e quanto derivi da commesse interne o debba essere autofatturato. L’agevolazione prevede: 1. un contributo in conto capitale - pari al 10 % dell’Equivalente Sovvenzione Lorda più l’8 % dell’Equivalente della Sovvenzione Netta per i Comuni della regione che rientrano nelle zone in deroga all’art. 87.3 C del Trattato UE. Nel caso di scelta del regime “de minimis” la percentuale aumenta del 60 %. - pari al 40 % nel caso di acquisto di acquisto di servizi reali, per i Comuni della regione che rientrano nelle zone in deroga all’art. 87.3 C del Trattato UE e al 30 % per le restanti zone della regione. 2. Una priorità nell’accesso ai Fondi Pubblici di Garanzia per finanziamenti ordinari relativi al progetto presentato. In tal caso la somma concessa in totale non può comunque superare il 75% delle spese ammissibili. Quanto appena specificato non vale nel caso di richiesta di agevolazioni con la regola “de minimis”.

Per saperne di più contattaci

 
go back
news 19 DOCUP »
news 14 S.U.A.P. »
news 2 Legge 215 »
news 3 Legge 608/96 »